martedì 15 settembre 2015

Making friends?

Hey ciao!
Qui è tutto fantastico, sembra di stare in un film. Nei negozi c'è già aria di Halloween, mangio pancackes a colazione e mettono lo sciroppo d'acero su tutto. TUTTO. Vi dico solo che l'ho mangiato anche sui fagioli.
E non era poi così male ahahah

Scarpinata in mezzo alla foresta fatta al
camping di due giorni con tutti gli altri
exchange student dell'Annapolis Valley (il
mio school board)
A scuola sto iniziando a capire, a fatica e stando molto attenta. In ogni caso le lezioni sono strutturate molto bene, ci sono tantissimi intervalli multimediali, non è come in Italia, quando il prof si siede alla cattedra e fa un monologo per un'ora. In ogni classe c'è una LIM, la lavagna elettronica, e viene utilizzata davvero molto. In Inglese ora stiamo affrontando l'effetto dei social network sugli studenti e abbiamo visto video e fatto discussioni a riguardo.
In chimica andiamo in laboratorio una volta a settimana.
In matematica la prof scrive sulla lavagna le lessons, che noi copiamo, mentre spiega. Se si è assenti, o non si ha capito un argomento, a casa basta andare sull'account di Google Classroom e voilà ci saranno le lezioni, i compiti e le risposte caricati dai professori. Con la possibilità di chattare con il prof e gli altri compagni.

Siamo in un altro mondo ragazzi

Poi fanno concept check, test o quiz una lezione sì e l'altra no. Avendo le stesse lezioni tutti i giorni, si è costretti a stare al passo con lo studio. Non ci si può perdere, i professori ci tengono monitorati per vedere se capiamo e stiamo attenti alle lezioni.

Passiamo all'argomento che dà il titolo al post: farsi degli amici.
Parto con la nota positiva. Se è difficile fare amicizia con i canadesi, con gli exchange student non ce ne è neanche il bisogno. Dal momento in cui vi presentate "Hi I'm from Italy" con spiccato accento italiano e "I'm from Colombia/Japan/China/Spain/Thailand/Korea/Brasil", siete già amici.

L'oggetto del demonio
che mi fa arrivare in ritardo
alle lezioni
Dopo essere andati in canoa sul lago. Siamo tutti exchange student,
da Francia, Spagna, Italia e Repubblica Ceca. 





















Questo accade per il semplice fatto che siete nella cacca fino al collo entrambi stessa simpatica situazione; in un paese straniero, dove non conoscete nessuno, con una lingua che non è la vostra, circondati da persone che parlano così tanto velocemente che l'unica cosa che potete fare è sorridere, annuire e sperare non fosse una domanda.


Il lago. Canada mica da poco, eh?
Dopo sei giorni di scuola sto iniziando a parlare con alcuni canadesi. E' bellissimo quando mi rivolgono la parola loro per primi, o mi salutano.
Sì lo so, mi emoziono con poco. Ma shh, qui mi accorgo anche di un accenno di sguardo nei corridoi e ne sono felice. Quindi non giudicatemi lol
La classe di Geographie è la mia preferita, perché in maggior parte sono persone stra carine che mi parlano! Chiacchierare in francese con accento canadese però è hard. So hard.
I canadesi sono in generale molto carini e gentili, ma hanno i loro amici (chiaramente) e non hanno molta intenzione di inserirti nel loro gruppo subito (comprensibilmente).

Io intanto vado avanti sorridendo a chiunque penso sia nelle mie classes, a inveire in italiano quando non riesco ad aprire l'armadietto, a fare colazione a scuola, a rincorrere lo scuolabus, a mangiare oreo dalla mia riserva di cibo segreta in camera, a cercare clubs a cui partecipare, a prepararmi per lo school dance,a sentirmi fiera di essere nata in un Paese che se viene citato ricorda a tutti pasta e pizza, e a essere tremendamente felice.

PS. Sto iniziando a sentirmi a casa.

Marti

giovedì 3 settembre 2015

First day of school!

Hi guys!
Oggi è stato il mio primo giorno di scuola



Sono convinta che un parto sia più semplice.

Ho quasi perso il bus, mi sono persa tre volte per la scuola, sono entrata in ritardo a due classes e ho fatto figure pessime a tutto andare chiedendo alle persone dove si trovassero le aule...
Ma andiamo con ordine.

Materie: Ho scelto Chemistry 12, Pre-Calculus 12, English 12 e Geographie Planetaire 12. Diciamo che sono stata costretta a prendere geographie, perché il corso di French era pieno e io volevo studiare francese. Quindi prendendo questo corso, faccio geografia ma spiegata in francese. Una sorta di CLIL italiano, per capirci
La mia Schedule

I giorni sono divisi in A B C D E F G H, e oggi era Lunedì giorno A, quindi Lunedì prossimo sarà giorno F. Fortunatamente non si va a scuola il Sabato! 












Resoconto della giornata: Oggi ho preso lo schoolbus alle 7.20, sono arrivata a scuola e sono andata in Homeroom, un'aula che suppongo sia la nostra aula di riferimento per i primi tempi. Abbiamo parlato un po' con il professore e tra di noi, dopo di che abbiamo ricevuto le nostre password per i lucchetti degli armadietti e il primo compito consisteva nell' aprirli e richiuderli per esercitarci. Fatto questo, 1st class!

Schoolbussssss
English. Sono entrata nell'aula e c'erano tutte le sedie disposte in cerchio stile alcolisti anonimi. Ci siamo seduti, il prof ha parlato e ci ha spiegato il programma per il primo semestre. Leggeremo e analizzeremo Amleto, e credo ci faremo anche delle ricerche su. Ma qui le ricerche consistono in lavoretti, quadretti o cose del genere. E' fantastico ahahahah
Ci ha detto di scegliere un libro da leggere, e io ho preso Mille Splendidi Soli. L'ho già letto in Italiano stralol
Il prof di inglese è un attore nel tempo libero, e ha detto che può capitare che venga in classe vestito da personaggio di una novella che stiamo trattando, in modo che possiamo interagire direttamente con il personaggio. E può capitare che si porti degli amici attori con sé che faranno lo stesso.
In Italia sarebbe deriso dal consiglio di classe, qui rende attiva la lezione e fa divertire gli studenti
La mia compagna di classe
che sta al Sud più Sud
della Nova Scotia

Geographie. Francese con accento americano, nemmeno il prof ha una buona r. Faremo molte ricerche di gruppo, e saranno valutate qualcosa come il 50% del nostro voto finale, quindi dobbiamo impegnarci!
Alla fine di questa class un ragazzo mi ha detto "Ma sei italiana? Quindi parli tre lingue? Oh Dio quanto ti invidio," e poi ho perso il senso del discorso, ma credo abbia detto qualcos'altro lol

Chemistry. In questa classe sono entrata correndo e in ritardo, per poi accorgermi che i banchi erano finiti. Ho aspettato in piedi davanti a tutti ciondolandomi da un piede all'altro dicendo "Hi"mentre aspettavo che il professore mi portasse una sedia... Imbarazzande
Il prof parla molto veloce e scrive anche male, quindi oggi seguire è stata una vera impresa.

Pre-Calculus. E' matematica. La professoressa sembra molto carina, oggi nel giro di mezz'ora di presentazioni ha imparato tutti i nostri nomi. Tutti.
Ha anche creato un gruppo di classe su nonsochesocial per avvisarci qualche giorno prima delle verifiche. Sì, lei qualche giorno prima manderà un messaggio con scritto "Ricordati della verifica di Matematica!"
Servono così tanto la pappa pronta agli studenti, sembra troppo facile aiuto

Il mio naso in questa foto ha
assunto le dimensioni del
continente asiatico

Le classi sono molto numerose, di una trentina di studenti. I professori sono molto gentili, disponibili e soprattutto amici degli studenti. Esattamente come in Italia, no?
Credo di avere dei compiti per domani. Non sono sicura di avere capito bene, nel dubbio li faccio comunque.
I compagni sono abituati ad avere exchange students stranieri in classe, ne hanno in media una ventina ogni anno, quindi io non sono più di tanto la novità. Ho parlato con alcuni ragazzi oggi, essendo il primo giorno credo sia una conquista!!

La scuola finisce alle 14 e alle 14.10 parte lo schoolbus, quindi non ho avuto il tempo di andare all'armadietto oggi. O meglio, l'avrei anche avuto ma non so in che cazzo di ala della scuola sia il mio armadietto rispetto all'uscita quindi ho preferito non rischiare.

Sono felice di me stessa in questo momento. Il pomeriggio sono andata a comprare alcune cose per la scuola al mall con la mia hsis coreana Jiwoo. Domani ci torno con l'exchange italiano Enrico.
E' difficile per tanti fattori, primo fra tutti la lingua e magari la lontananza da casa, ma sono felice. E ce la sto facendo yeah

Stay tuned,
Marti