martedì 15 settembre 2015

Making friends?

Hey ciao!
Qui è tutto fantastico, sembra di stare in un film. Nei negozi c'è già aria di Halloween, mangio pancackes a colazione e mettono lo sciroppo d'acero su tutto. TUTTO. Vi dico solo che l'ho mangiato anche sui fagioli.
E non era poi così male ahahah

Scarpinata in mezzo alla foresta fatta al
camping di due giorni con tutti gli altri
exchange student dell'Annapolis Valley (il
mio school board)
A scuola sto iniziando a capire, a fatica e stando molto attenta. In ogni caso le lezioni sono strutturate molto bene, ci sono tantissimi intervalli multimediali, non è come in Italia, quando il prof si siede alla cattedra e fa un monologo per un'ora. In ogni classe c'è una LIM, la lavagna elettronica, e viene utilizzata davvero molto. In Inglese ora stiamo affrontando l'effetto dei social network sugli studenti e abbiamo visto video e fatto discussioni a riguardo.
In chimica andiamo in laboratorio una volta a settimana.
In matematica la prof scrive sulla lavagna le lessons, che noi copiamo, mentre spiega. Se si è assenti, o non si ha capito un argomento, a casa basta andare sull'account di Google Classroom e voilà ci saranno le lezioni, i compiti e le risposte caricati dai professori. Con la possibilità di chattare con il prof e gli altri compagni.

Siamo in un altro mondo ragazzi

Poi fanno concept check, test o quiz una lezione sì e l'altra no. Avendo le stesse lezioni tutti i giorni, si è costretti a stare al passo con lo studio. Non ci si può perdere, i professori ci tengono monitorati per vedere se capiamo e stiamo attenti alle lezioni.

Passiamo all'argomento che dà il titolo al post: farsi degli amici.
Parto con la nota positiva. Se è difficile fare amicizia con i canadesi, con gli exchange student non ce ne è neanche il bisogno. Dal momento in cui vi presentate "Hi I'm from Italy" con spiccato accento italiano e "I'm from Colombia/Japan/China/Spain/Thailand/Korea/Brasil", siete già amici.

L'oggetto del demonio
che mi fa arrivare in ritardo
alle lezioni
Dopo essere andati in canoa sul lago. Siamo tutti exchange student,
da Francia, Spagna, Italia e Repubblica Ceca. 





















Questo accade per il semplice fatto che siete nella cacca fino al collo entrambi stessa simpatica situazione; in un paese straniero, dove non conoscete nessuno, con una lingua che non è la vostra, circondati da persone che parlano così tanto velocemente che l'unica cosa che potete fare è sorridere, annuire e sperare non fosse una domanda.


Il lago. Canada mica da poco, eh?
Dopo sei giorni di scuola sto iniziando a parlare con alcuni canadesi. E' bellissimo quando mi rivolgono la parola loro per primi, o mi salutano.
Sì lo so, mi emoziono con poco. Ma shh, qui mi accorgo anche di un accenno di sguardo nei corridoi e ne sono felice. Quindi non giudicatemi lol
La classe di Geographie è la mia preferita, perché in maggior parte sono persone stra carine che mi parlano! Chiacchierare in francese con accento canadese però è hard. So hard.
I canadesi sono in generale molto carini e gentili, ma hanno i loro amici (chiaramente) e non hanno molta intenzione di inserirti nel loro gruppo subito (comprensibilmente).

Io intanto vado avanti sorridendo a chiunque penso sia nelle mie classes, a inveire in italiano quando non riesco ad aprire l'armadietto, a fare colazione a scuola, a rincorrere lo scuolabus, a mangiare oreo dalla mia riserva di cibo segreta in camera, a cercare clubs a cui partecipare, a prepararmi per lo school dance,a sentirmi fiera di essere nata in un Paese che se viene citato ricorda a tutti pasta e pizza, e a essere tremendamente felice.

PS. Sto iniziando a sentirmi a casa.

Marti

6 commenti:

  1. Ciao! Complimenti, scrivi proprio bene! :)
    Anche io a gennaio partirò con WEP per un semestre in Nova Scotia, quindi ho trovato molto interessante e carino il tuo blog! Come mai hai smesso di scrivere?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hey ciao, grazie per i complimenti! Che bello anche tu qui, scrivimi se vuoi e risponderò a tutte le tue domande :) ho smesso di scrivere perché non ho tempo e mi dispiace! cercherò di aggiornare più spesso

      Elimina
    2. Graziee! Non riesco a credere di aver trovato il blog di una ragazza come me, che è in Canada, come lo sarò io, ma sopratutto in Nova Scotia!
      Solitamente quando dico a qualcuno quello che farò la prima domanda è 'Nova Scotia??'. (In realtà non sapevo nemmeno io della sua esistenza prima di incontrare WEP, ma vabbè.)
      Le domande sarebbero tante, quindi rispondimi solo se ne hai voglia, ma sopratutto tempo! (:

      - Prima e più importante, perché è la cosa che mi preoccupa di più. Il FREDDO. Ho letto del fatto che anche a casa lo soffri e questo mi ha spaventato molto perché credevo che negli ambienti chiusi ci fossero adeguati mezzi di riscaldamento (per fortuna almeno a scuola ci sono!). Come ti stai comportando con queste temperature? Come ci si deve vestire?

      - collegata anche alla domanda di prima: la VALIGIA. Considerando i vari maglioni e scarpe invernali, é possibile fare entrare tutto in una valigia? Tu ce l'hai fatta?

      -la scuola. Ho letto che torni a casa relativamente presto. Tutti mi avevano detto che le scuole canadesi offrivano varie attività extracurricolari di pomeriggio. Nella tua scuola ci sono?

      -la famiglia. Come ti stai trovando con la tua Hostfamily? Quando ti hanno detto di averla trovata? (Io ancora non ho avuto notizie, quindi non so nemmeno in che paese/città andrò!)


      Grazie mille in anticipo e buona fortuna per la tua esperienza! (:

      Elimina
    3. Tranquilla, un anno fa nemmeno io sapevo dell'esistenza di questa landa di terra desolata e ora ci sto vivendo ahahah
      Mi fa piacere aiutare voi futuri exchange, cercherò di essere il più esauriente possibile!
      Il freddo ahah dunque devo dire che sono un po' sfortunata perché sono stata in casa da amici canadesi e da loro si sta bene, credo sia proprio casa mia che non tiene bene il calore -o il fatto che accendiamo ancora poco i termo perché non c'è abbastanza freddo e se te lo stai chiedendo sì, questa cosa mi spaventa molto-. Io vado di maglioni e leggins sotto i jeans, ma dopo un po' diciamo che ti abitui. Ad esempio ora soffro molto meno di un mese fa e se la mia host mum mi dice che domani ci sono 12° le dico "oh che fortuna, fa caldo!" quindi ti lascio capire come sono messa. Sciarpa, cappello e calze di lana aiutano!

      La valigia a momenti era più grande di me e mi sono slogata una spalla a tirarla giù dalla macchina il primo giorno... I sacchetti sotto vuoto sono essenziali e giacca da neve e scarponi li ho comprati qui. Quindi avevo solo tre paia di scarpe, tieni conto che due sono Vans e che quindi sono ben comprimibili. Mi preoccupa un po' il ritorno, ma ho tempo per pensarci!

      Sì, ci sono attività extra, ma sono per la maggior parte sport all'aria aperta che finiscono appena fa più freddo. I comitati sono carini per fare amicizie (io organizzo i balli della scuola, per esempio), ma si incontrano una volta ogni due settimane circa

      Ho saputo famiglia e posto 40 giorni prima della partenza, e mi sto trovando benissimo! Siamo tre donne in casa, e voglio bene a tutte e due. Mi sto ritrovando veramente legata a mia sorella, è bellissimo avere un legame del genere. Tranquilla se non hai ancora la famiglia, anzi saresti stata una tra le 'eccezioni' ad averla ricevuta così presto!

      Per qualsiasi cosa ci sono, potrei metterci un po' a rispondere ma dovrei sempre farlo! Aggiungetemi su Facebook se volete, la chat è più veloce

      Graziee e buona fortuna anche a te!

      Elimina
  2. Su, allora a proposito del freddo posso dire a mia madre di smettere di cercare su internet 'come sopravvivere al freddo polare' o 'come vestirsi quando le temperature scendono sotto i 10 gradi' o cose così? :D

    Grazie mille di tutto!

    P.s: come ti posso trovare su facebook?

    RispondiElimina
  3. Non mi fa mandare messaggi, quindi ti ho mandato solo la richiesta di amicizia! :)
    Se te ne arriva una di una certa Giulia, sono io (:

    RispondiElimina