domenica 28 dicembre 2014

COLLOQUI WEP #1

Questo post è principalmente ideato per raccontare che succede durante i colloqui di selezione della Wep :)
Ho fatto il primo qualche settimana fa, come ho già scritto in un vecchio post. Niente, sono andata a casa da questa professoressa di Inglese che collabora con la Wep; ero seriamente convinta che mi spiegasse e basta i programmi e le modalità, poi però mi ha anche detto che se ero sicura (non lo ero ancora ma dopo una chiacchierata di un pomeriggio avevo una voglia matta di partire!) avrei potuto affrontare il test orale di inglese in quel momento. Devo ammettere che mi ha presa molto alla sprovvista, almeno avendolo saputo prima avrei ripassato un po' di grammatica! Però visto che ultimamente ho assunto come mantra un tatticissimo "seize the day"ho accettato.

Mi ha innanzitutto fatto compilare una marea di carte, tutte in inglese. Assolutamente non difficili, chiedeva informazioni su di me, sui miei genitori, sul loro lavoro.. Poi sulle mie allergie, insomma una specie di quadro generale di te. 


Poi in un altro foglio c'erano delle tipologie di host-family in cui potresti capitare; Erano una decina mi pare, e bisognava barrare una voce tra "preferirei", "non mi importa", "preferirei di no ma posso adattarmi" e "preferirei di no". So che per dimostrarsi più elastici bisognerebbe mettere pochi (o quasi, nessun) "preferirei di no", ma in una famiglia vegana non resisterei un secondo quindi meglio essere sinceri. Alla fine dell'elenco c'era una liberatoria che diceva più o meno "non assicuriamo nulla, potresti finire in una famiglia che hai segnato con preferirei come in una che hai segnato con non preferirei". Quel foglio non verrà spedito alle famiglie, non si offenderanno se non li avevate messi come prima scelta. 
Poi mi ha dato una lista di 300 aggettivi, e dovevo segnare quelli che mi caratterizzavano veramente. A parte il fatto che di una buona metà non sapevo il significato, non ho abbastanza autostima per definirmi "sessualmente attraente" o "amabile"; ne avrò messi una trentina, tra cui "cinica"

Mi hanno spiegato dopo che non è proprio un aggettivo positivo, ma non credevo fosse una cosa cattiva! Ho riso tanto, spero non mi prendano per una bastarda! 

Il colloquio psicologico lo devo ancora fare, e spero con tutto il cuore di passare. Ci tengo davvero tanto!


Un bacio,
Marti

Nessun commento:

Posta un commento